Handiii: la mano bionica stampata in 3D e controllabile con uno smartphone


"Rendere la vita piacevole con la robotica e il design" è la visione di exiii, un'azienda giapponese che produce una mano protesica mioelttrica stampata in 3D funzionale ed accessibile chiamata handiii. L'ultima versione è stata rivelata proprio recentemente al SXSW 2015 (South by Southwest).

La mano bionica handiii
La mano bionica handiii

Come funziona

A differenza di molte protesi di mani e braccia mioelettriche costose e complesse, handiii si appoggia alla semplicità di utilizzo di uno smartphone. Un sensore EMG (elettromiografia) sul braccio dell'indossatore invia dei segnali allo smartphone che li elabora e li ritrasmette alla mano per indicarle i movimenti da compiere.


Personalizzazione

La mano bionica handiii è realizzata attraverso la stampa 3D, una tecnologia che consente grandi opportunità di personalizzazione. Gli utenti possono scegliere fra vari modelli che si differenziano in colore, consistenza e funzioni. Le dita sono intercambiabili, ovvero possono essere installate diverse dita a seconda delle situazioni. In un determinato momento potrebbero essere preferibili delle dita dalla superficie gommosa, piuttosto che delle dita con un modulo elettrico.

Diversi modelli di handiii

Altri vantaggi

Ma non finisce qui. Le classiche protesi di mani e braccia mioelettriche presentano alcuni problemi: gli alti costi (tra i 10.000 e i 40.000 dollari), la difficoltà nelle riparazioni e la progettazione omogenea, quindi poco personalizzabile. Handiii li supera tutti: il prezzo si aggira intorno ai 300 dollari e grazie alla tecnologia della stampa 3D le riparazioni e la personalizzazione non comportano alcun problema.

Un altro aspetto positivo è che il team di exiii ha intenzione di rendere il progetto open source, cioè aperto a tutti coloro che hanno intenzione di modificare e migliorare la mano bionica per adeguarla ad ogni esigenza. Inoltre, lo smartphone è diventato ormai un oggetto posseduto quasi da tutti. E siccome handiii si basa sul funzionamento di uno smartphone, questo potrebbe essere un ulteriore incentivo per puntare sullo sviluppo di tale tecnologia e aiutare le persone mutilate.

Il progetto handiii si aggiunge dunque ad altri simili come Anthromod e Robohand. La stampa 3D e l'open source si stanno dimostrando ingredienti fondamentali per lo sviluppo di tecnologie efficienti ed accessibili. Handiii ha tutte le caratteristiche necessarie per poter crescere, migliorare e aiutare chi ne ha bisogno.

Fonte: 3dprint

Etichette: ,