FORTIS: un esoscheletro per produrre 20 volte di più


La Lockheed Martin, compagnia americana che vende prodotti per la sicurezza globale, aerospaziale e specializzata nella information technology, ha creato il primo esoscheletro per uso industriale. L'idea è nata osservando l'ambiente della marina militare dove la manutenzione delle navi richiede operazioni molto faticose per gli operai.

Le capacità dell'esoscheletro

Per un paio d'anni Adam Miller, direttore per le nuove iniziative della Lockheed Martin, ha guidato una squadra di ingegneri per la creazione dell'esoscheletro chiamato FORTIS. L'esoscheletro FORTIS è in grado di reggere strumenti che pesano fino a 36 kg e di trasferire il carico dalle mani e dalle braccia verso il terreno. In questo modo gli operai sono più abili e il loro lavoro risulta più produttivo. FORTIS è costituito da fibra di carbonio e alluminio anodizzato, pesa 30 kg e la sua struttura segue quella del corpo umano. Gli strumenti di lavoro sono montati sulla parte anteriore dell'esoscheletro e il peso totale è ammortizzato dalle articolazioni dell'anca e diretto verso il basso, in modo da alleviare la fatica del corpo.


Aumento della produttività

I primi test dell'esoscheletro FORTIS hanno dimostrato un aumento della produttività da 2 a 27 volte in base al tipo di lavoro da effettuare. La squadra di ingegneri ha misurato il tempo in cui un lavoratore riesce a tenere sopra la testa una smerigliatrice di 7 kg senza dover riposare le braccia: gli operai più resistenti sono riusciti a usare lo strumento per tre minuti senza pausa. Invece, "Usando il FORTIS, gli operai potrebbero lavorare 30 minuti o più senza richiedere riposo", ha dichiarato Miller.

In un episodio di Breakthrough, una rubrica scientifica di National Geographic, è stata fatta una dimostrazione dell'utilizzo dell'esoscheletro FORTIS. È stata una dimostrazione molto convincente, come ha confermato anche Paul Giamatti, famoso attore statunitense che ha assistito in prima persona all'esperimento: "Penso che creare un'interfaccia tra un uomo e una macchina abbia a che fare con i cyborg.".


Altri esempi di esoscheletro

La Lockheed Martin ha lavorato anche su altri esoscheletri. L'ultimo è HULC, ad alimentazione idraulica, che può supportare un peso massimo di 90 kg. A differenza di FORTIS, HULC è stato progettato per essere utilizzato in campo militare. Esistono anche esoscheletri più complessi, come TALOS (Tactical Assault Suit Luce Operator): si tratta di un esoscheletro computerizzato che ha l'obiettivo di trasformare i soldati in tanti Iron Man. Insomma, gli esoscheletri non sono una novità ormai: se ne stanno costruendo diversi per scopi diversi. Il FORTIS ad esempio, come ha dichiarato lo stesso Miller, potrà essere adottato anche in altri ambienti che non siano quelli della marina militare: "...si può immaginare che potrebbe essere utile per altri settori come l'edilizia o l'attività mineraria - ovunque ci sia un ambiente complesso e irregolare".

Fonti:
wired.com
lockheedmartin.com

Etichette: ,