Ucraina: cecchini assunti dai leader di Maidan


È stata intercettata una telefonata tra il ministro degli esteri dell'Estonia, Urmas Paet, e il capo della politica estera dell'Unione europea, Catherine Ashton, nella quale si evince che i cecchini che hanno sparato contro i manifestanti e i poliziotti a Kiev sarebbero stati assunti dai leader della protesta di Maidan. La chiamata è stata effettuata dopo la visita a Kiev del ministro estone del 25 febbraio. Di seguito è riportato il video della registrazione telefonica:


Paet: "Vi è ora la più forte conoscenza che dietro i cecchini, non c’era Yanukovich, ma una persona dalla nuova coalizione". Risponde la Ashton: "Penso che noi vogliamo indagare, ciò è interessante". Tra i vari fatti che emergono, è opportuno sottolineare la vicenda raccontata da Paet in merito al medico che, curando manifestanti e poliziotti, ha sostenuto che erano stati tutti colpiti dalle stesse persone. La reazione della Ashton è stata: "Beh, sì… Ecco, è terribile".  La conversazione è stata intercettata e poi pubblicata sul web da alcuni funzionari del servizio di sicurezza dell'Ucraina, sostenitori dell'ormai ex presidente ucraino Victor Yanukovich. Sorge la necessità di avere altre risposte, magari più chiare, per comprendere meglio il ruolo dei cecchini in questa vicenda. Nel mese scorso a Kiev, precisamente a piazza Maidan, sono morte 94 persone e ben 900 sono state ferite durante gli scontri tra manifestanti e polizia; la situazione attuale, visti anche gli ultimi movimenti in Crimea da parte della Russia, rimane ancora molto delicata.

Fonte: http://rt.com/news/ashton-maidan-snipers-estonia-946/

Etichette: ,